LA DIAGNOSI: si effettua attraverso la valutazione del peso corporeo, la composizione corporea tramite bioimpedenziometro o DXA whole body. Tuttavia l'ecografia del tessuto adiposo rimane l'esame decisivo per stabilire i vari stadi di cellulite e la terapia specifica.

I TRATTAMENTI: i risultati migliori sia dal punto di vista funzionale che estetico, si ottengono attraverso una serie di metodiche integrate.

Il responsabile sanitario e medico di riferimento è la Dott.ssa Anadela Serra Visconti.

Tra queste:

  • La mesoterapia: consiste nell'iniettare localmente farmaci vasoprotettori, che migliorano la funzionalità venosa e linfatica delle gambe. In caso di adiposità localizzata, si uilizzano farmaci lipolitici, talvolta associati agli ultrasuoni, applicati localmente nelle zone in cui è localizzata l'adiposità. E´possibile eseguire una mesoterapia transdermica, senza l´uso di aghi, utilizzando un acceleratore molecolare.
  • Il linfodrenaggio manuale secondo Vodder: e' un massaggio specifico per favorire il deflusso linfatico e ridurre gli edemi.
  • La pressoterapia: si attua attraverso particolari gambali riempiti ad aria che agiscono attraverso la compressione e la decompressione delle gambe. Agiscono sulla componente venosa, favorendo il deflusso dei liquidi. 
  • Onda d´urto: trattamento nato nell´ambito della medicina riabilitativa, ha mostrato un´azione efficace nel trattamento della cellulite, migliorando il microcircolo, il tono e la compattezza dei tessuti molli (vai alla pagina)
  • Elettrostimolazione: viene utilizzata per tonificare selettivamente i muscoli rilassati e nella "falsa cellulite", cioe' nei casi in cui l'aspetto disomogeneo della cute non è dovuto alle tipiche alterazioni cellulitiche, ma solo ad un rilassamento muscolare.
  • Endermologie: e' un apparecchio che realizza un micro-massaggio cutaneo e connettivale con aspirazione. Effettua cosi' un linfodrenaggio molto efficace, e rende i tessuti più tonici ed omogenei.
  • Endosphere: (o microvibrazione compressiva) esegue un linfodrenaggio accompagnato da un'azione rimodellante grazie alla vibrazione e compressione esercitata dalle sue 30 sfere di silicone che ruotano all'interno del manipolo.
  • Cavitazione: ultrasuoni ad azione lipolitica che riducono lo spessore del tessuto adiposo localizzato. Viene preceduto da infiltrazioni di soluzione fisiologica locali per favorire il fenomeno fisico della cavitazione. 
  • Laser a bassa potenza (ZERONA): vai alla pagina dedicata. (maggiori informazioni )
  • Intralipoterapia